Riassumendo in tre parole arrampicare sul ghiaccio: Fatica per andare a fare fatica al freddo ma è fighissimo.

Lo so, le parole non sono tre ma con meno di queste non mi riusciva.

Sostanzialmente devi: con uno zaino molto pesante nel quale devi mettere un casco, guanti, corda, picche da ghiaccio, chiodi da ghiaccio, imbrago, ramponi, vari generi di conforto come barrette energetiche, un the caldo e l’immancabile fiaschetta con la grappa (scherzo), camminare per qualche ora in salita sulla neve.

Una volta arrivato all’attacco della cascata devi: avere un amico esperto che sale per primo, rischiando la vita per portare una corda in cima alla cascata. Per farlo lui deve avvitare dei chiodi nel ghiaccio ai quali man mano che sale, aggancia dei moschettoni nei quali fa passare la corda che lo lega in vita. Nel caso in cui dovesse per disgrazia scivolare o cadere, rimane appeso ai chiodi che fissa. Ovviamente il tutto è più complesso di così ma non voglio tediarvi.

Ora è il vostro momento. Una corda vi tiene dell’alto e l’amico esperto, man mano che salite recupera la corda, la stessa con la quale vi calerà una volta arrivati in cima. Se arrivate in cima.

Ma la parte ludica? La parte ludica c’è, e come. Si arrampica piantando pochi millimetri di piccozze e ramponi su una parete di ghiaccio, bisogna respirare piano, spostare il baricentro lentamente, un po come quando cercate di tenere la forchetta in equilibrio sul dito. Assestare colpi potenti e precisi e caricare il peso un po’ per volta su braccia e gambe per capire se l’appoggio tiene. Fidarsi del ghiaccio. Adrenalinico. Perché a differenza dell’arrampicata su roccia, lì, la certezza che l’appiglio tenga non c’è mai del tutto.

Come sempre, quando si arriva in cima la soddisfazione è impagabile.

Ricapitolando, trovate un amico esperto o una guida alpina, e correte in cima ad una cascata ghiacciata. ne vale la pena. Anche solo per raccontarlo ai nipoti.

Per stare al caldo ho usato un completo Haglofs che prevede: Guscio in Goretex, piumino e mid layer. Pantaloni in Goretex

Baselayer Odlo BlackComb che non si vede ma è una bomba.

 

 

Andrea